HOMEPAGE PRIMO PIANO Alatri-Guarcino, quella fusione chiamata….Promozione 

Alatri-Guarcino, quella fusione chiamata….Promozione 

840
CONDIVIDI

Articolo di Massimiliano Pistilli:

Alatri torna al calcio dilettantistico che conta? Dopo anni davvero deludenti per i verderosa (in quest’ultima stagione ha galleggiato nelle parti basse della classifica in seconda categoria) sembrerebbe proprio di sì e il tutto grazie alla trattativa per l’acquisizione del titolo della Virtus Guarcino questo anno impegnata nel Campionato di Promozione dove ha centrato uno storico quarto posto grazie all’allenatore Riccardo Strambi (che nelle scorse settimane ha trovato un accordo con l’Anitrella e quindi non è in lizza per la panchina) grande artefice di questo traguardo insieme al Direttore Sportivo Fabio Ceci e al direttore generale Alessandro Cianfrocca. Ruoli fondamentali, ovviamente con il lavoro di uno straordinario gruppo di ragazzi, che insieme alla società guidata da Urbano Restante hanno consentito ad un Paese di nemmeno duemila abitanti di frequentare il calcio che conta a livello dilettantistico. Per ben quattro anni lanciando anche giovani interessanti. 

A sn Cianfrocca, Restante (pres. Guarcino) e Ceci (ds)

Tornando alla trattativa avviata i segnali che giungono sono positivi. La conferma dal presidente del Guarcino, nonchè sindaco di Guarcino, Urbano Restante. <La trattativa con un imprenditore esiste e sono ottimista con Alatri c’è un legame fortissimo>. Prossime ore quindi decisive e in città i tifosi sperano che la fusione vada a buon fine. Il retroscena di Restante <In questi anni abbiamo fatto miracoli grazie ad un grande gioco di squadra insieme al mister Riccardo Strambi e le scelte del Ds Fabio Ceci>, afferma. <Per un paese come Guarcino la Promozione è stata un orgoglio e vanto ma anche un impegno oltre le nostre possibilità>. Prosegue. <Se siamo andati avanti è grazie ad una perfetta simbiosi con lo staff, tecnico e giocatori oltre che amici e sponsor>. <Sono favorevole a questa fusione perché conosciamo i nostri limiti ed è complicato andare avanti tra le tante spese e i miei impegni istituzionali. Sono pertanto ottimista e fiducioso che la trattativa con gli amici di Alatri vada in porto>. Il nome: <Sicuramente se tutto filerà liscio la nuova squadra inizialmente si chiamerà Guarcino – Alatri e giocherà ad Alatri>. C’è un incognita quella del campo. <Si è vero si stanno ultimando i lavori allo storico Chiappitto di Alatri ma se non dovessero finire in tempo si giocherebbe a Guarcino per poi tornare ad Alatri>. La speranza: <Con Alatri c’è un legame molto forte e spero che la vicenda si possa chiudere positivamente. Questo permetterebbe di mantenere la Promozione e riportarla ad Alatri una piazza storica del calcio ciociaro>. Dal fronte di Alatri nessuno si sbilancia ma c’è fiducia che la trattativa si possa chiudere. <Abbiamo stabilito un percorso comune con gli amici di Alatri non resta che aspettare>. 

Intanto, con Strambi già accasato altrove, ad Alatri impazza già il toto allenatore. Ma prima bisognerà formalizzare la fusione alias acquisizione del titolo del Guarcino. E giugno sarà decisivo. Intanto sul fronte di Alatri l’assessore allo sport Gianni Padovani non si sbilancia e attende gli sviluppi.

MAX PISTILLI