HOMEPAGE CRONACA La Serbia è diventata la meta del “turismo vaccinale”

La Serbia è diventata la meta del “turismo vaccinale”

141
CONDIVIDI

 Chi può permetterselo lo sta già facendo. Andare in Serbia per vaccinarsi. Mentre l’Italia non accelera ancora in termini di campagna vaccinale, in Serbia i vaccini li fanno anche agli stranieri. Il Pese balcanico é di fatto quello con la più alta percentuale di persone vaccinate d’Europa, secondo solo alla Gran Bretagna e possiede scorte ingenti di vaccini avuti grazie a veloci contratti privati stipulati in anticipo con le aziende farmaceutiche. Ai cittadini stranieri che intendono partire per la Serbia , piuttosto che attendere il proprio turno basta presentarsi in alcuni centri vaccinali, dopo essersi prenotati tramite la compilazione di un questionario online. La vaccinazione ha dato vita a veri e propri pacchetti divisi per range sociale, specie nei weekend in cui si é arrivati a somministrare fino a 22mila cittadini stranieri. Insomma pochi clic e due trasferte a Belgrado assicurano l’arma contro il Covid con la possibilità addirittura di scegliere il tipo di vaccino fra AstraZeneca, Moderna, Pfizer, il russo Sputnik V e il cinese Sinopharm. La convocazione arriva “in 48 ore” e la seconda dose dà il diritto a ricevere il certificato di vaccinazione da fare poi registrare in Italia.

Monia Lauroni