HOMEPAGE SPORT Calcio – I canarini continuano a volare alto

Calcio – I canarini continuano a volare alto

603
CONDIVIDI

Terza vittoria di fila per il Frosinone. che al “Matusa” si impone 2-1 sul Perugia. Sin dai primi minuti gli ospiti cercano di allargare la difesa canarina con un possesso palla prolungato, ma alla prima occasione vanno sotto. Minuto 15, Gucher serve Dionisi che si accentra e con il mancino fredda Koprivec dal limite dell’area grazie anche alla deviazione di Goldaniga. Al 55′ splendida triangolazione tra Soddimo e Gori con l’esterno che, a tu per tu con Koprivec, non colpisce bene facilitando l’intervento del portiere biancorosso. Altra occasione otto minuti dopo con Dionisi che fugge sulla sinistra e serve una gran palla a Carlini, l’esterno offensivo spara al volo verso la porta ma centra il palo. Il gol è nell’aria e arriva al 78′ con capitan Frara che finalizza alla perfezione un contropiede avviato da Dionisi. Il Perugia si getta in avanti e al minuto 84 accorcia le distanze con Faraoni, lesto a ribadire in rete una respinta di Zappino su azione d’angolo. Finisce 2-1, con il Frosinone che sale al terzo posto a pari merito con l’Avellino: i ciociari sono ad appena un punto dal Bologna secondo.

Il tecnico del Frosinone, Roberto Stellone: “Abbiamo dato continuità alle vittorie con Pro Vercelli e Catania, siamo stati bravi a non disunirci e a ripartire in contropiede. Purtroppo nei minuti finali abbiamo patito per quel gol fortuito preso su azione d’angolo. Da domani pensiamo alla gara di Modena, dove troveremo un avversario difficile. Abbiamo vinto con l’attenzione e con il sacrificio, abbiamo concesso possesso ma non li facevamo entrare in area. Paganini? Luca non stava bene a fine primo tempo, aveva un problema all’inguine ed è dovuto uscire. Vediamo domani, speriamo che non sia nulla di grave. Obiettivi? Facciamo subito questi tre punti che ci mancano per la salvezza. Siamo terzi, pensiamo una gara per volta. Il pubblico ci dà una spinta in più, ringrazio i tifosi che ci hanno caricato sin dal riscaldamento. Ora conquistiamo la salvezza a Modena”.

Massimo  Papitto