HOMEPAGE POLITICA Alatri – Politeama: Maurizio Cianfrocca auspica un interessamento comunale all’acquisto

Alatri – Politeama: Maurizio Cianfrocca auspica un interessamento comunale all’acquisto

805
CONDIVIDI

Era il novembre 2010 quando con il collega Fausto Lisi presentammo un ordine del giorno in consiglio comunale per impegnare la Giunta di allora a prendere in considerazione la possibilità di acquisire il Politeama – inizia così in una nota l’ex consigliere comunale Maurizio Cianfrocca – più volte sono  intervenuto per aggiornare la situazione relativamente alla procedura di vendita e per coerenza  mi sento di comunicare anche questa volta la prossima “ puntata “  della vendita all’incanto di questo “ scomodo “ immobile che avverrà in data 4 marzo al prezzo di € 112.500,00 !!! 

Non voglio entrare nel merito della vicenda perché  si è scritto di tutto relativamente all’acquisto, alla gestione , alla manutenzione, all’agibilità ed a quant’ altro . Ma una cosa penso che sia insindacabile : che Alatri  ha bisogno come il pane di una struttura  del genere che potrebbe consentire alla nostra città  di fare un salto qualitativo  per le offerte di spettacoli e culturali che potrebbe offrire in un simile palcoscenico oltreché a diventare un vero punto di aggregazione per i nostri giovani; molti mi prenderanno per sognatore, rompiscatole, noioso e ripetitivo ma sono certo dell’indispensabilità del Politeama.

Mi rendo altresì conto delle difficoltà che ci possono essere per reperire i fondi ma credo che l’amministrazione debba fare tutti gli sforzi necessari per mettere nella propria disponibilità questa struttura ; bisogna assolutamente trovare il modo , diretto o indiretto  che esso sia,  intraprendere qualsiasi strada per addivenire a ciò.

Io mi posso limitare a fare una semplice considerazione : il nostro comune è già proprietario di alcuni immobili destinati ad uso abitativo ( case agli sfrattati ) e ad attività commerciali; per questi immobili il comune stesso , oltre a non percepire in maniera puntuale i canoni , se non addirittura a non percepirli affatto,  è costretto a sopportare molte spese per le straordinarie manutenzioni . Allora, perché non pensare a vendere qualche immobile e acquisire a patrimonio una struttura che avrebbe un impatto molto positivo sulla città ?  D’altro canto, come recentemente qualcuno ha detto , ogni euro investito in cultura ne produce  quattro come beneficio e allora…… perché aspettare ?