HOMEPAGE POLITICA Alatri – Polemiche al vetriolo tra Cianfrocca e l’Amministrazione per il caso...

Alatri – Polemiche al vetriolo tra Cianfrocca e l’Amministrazione per il caso “Politeama”

708
CONDIVIDI

Riceviamo dall’ex consigliere Maurizio Cianfrocca e pubblichiamo

Non avrei mai voluto continuare in questa polemica riguardo l’auspicata acquisizione del Politeama da parte del Comune ma il logorroico e saccente comunicato dell’Ente ha dimostrato, qualora ce ne fosse bisogno, tutti i  limiti , le contraddizioni e la mala informazione di chi ci amministra.

Innanzitutto vorrei fare un appunto: quando si scrive e si tenta di rispondere a chi , comunque , ci ha messo la faccia, è opportuno, elegante e doveroso mettere in calce il nome  e il cognome della  “ penna “ e non nascondersi dietro una sigla.  Il che mi fa pensare che ci si vergogna anche di apparire per quello che si è e si pensa.

Entrando nel merito della questione è ormai sotto gli occhi di tutti che, al di là della mera elencazione di date e numeri , chi non vuole acquistare il Politeama è proprio questa amministrazione che proprio un anno fa, e quindi  dopo l’entrata in vigore del decreto che, secondo lo  “ scrivano “  , vieterebbe al comune l’acquisto di immobili , ha votato favorevolmente all’ordine del giorno !!!! Allora ? Come si spiega ?

Per quanto riguarda le camerette è palese che chi ha scritto o è male informato o all’epoca era distratto da altre cose ma sia io che l’amico Lisi ci mostrammo subito contrari a questa volontà della Giunta .

Ma la cosa che non sopporto è quando si sostiene che io abbia agito in mala fede , che non agisco per il bene comune e che non rispetto la cittadinanza: questo proprio non lo accetto soprattutto da chi non ha il coraggio di scrivere il proprio nome .

Tutti sanno invece  per cosa mi son sempre battuto e adoperato come ad esempio quando mi opposi duramente  al progetto di un nuovo auditorium che la giunta Morini del primo mandato

 ( 2004  ) voleva realizzare  per la modica cifra di 2 milioni di euro e per il quale fu dato incarico al progettista malgrado la mancanza di copertura finanziaria ;  in quel caso le casse comunali hanno dovuto esborsare svariate migliaia di euro ( dei cittadini ) !

Spendere 7 milioni di euro per un nuovo stadio ( inutile )  significa fare gli interessi del cittadino  e  agire per il bene comune ?

E comunque la città ancora aspetta le vostre risposte riguardo allo sperpero di questo denaro pubblico !

Chi vuole adoperarsi per la politica lo deve fare con umiltà e lasciando da parte il rancore e la pretesa di avere sempre ragione. Bisogna avere soprattutto  il coraggio di riconoscere i propri errori. Quell’errore che io stesso ho fatto quando , al ballottaggio, appoggiai questa deludente amministrazione !