HOMEPAGE APPUNTAMENTI Veroli, Da sabato 12 giugno riparte il teatro ernico, con la seconda...

Veroli, Da sabato 12 giugno riparte il teatro ernico, con la seconda edizione di ‘Chiostro in Scena’ il teatro all’aperto e in sicurezza

168
CONDIVIDI

Prendi il teatro e portalo fuori dal teatro. Prendi un sipario impolverato dal tempo e riaprilo fuori all’aperto. Prendi gli attori, i registi, gli scenografi e portali in un luogo straordinariamente  raccolto ma allo stesso tempo senza tetti che non siano di stelle. E qui, nell’incanto del Chiostro di Sant’Agostino di Veroli, si ridisegnerà il futuro del teatro ernico. Sei date per sei spettacoli. Sei serate cariche di storie, di emozioni e di voci. Di spettacoli ‘capovolti’ in ottemperanza al  nuovo ed innovativo format estivo di ‘VeroliSicuramente’. Torna dal 12 giugno il secondo appuntamento con   ‘Chiostro in Scena’, nato dall’idea dell’associazione Duecento22- Arti e Spettacolo  e frutto di un lungo lavoro corale in collaborazione con il Comune di Veroli ed il supporto della Pro loco di Veroli. ‘Reinventarsi’ è stato l’imperativo, ‘ torneremo’ l’arroganza del futuro che ha resi concreti i sogni di chi di teatro si nutre e vive. 

Si torna in scena. Si torna in scena. Si torna in scena – quasi gridano Enrico Quadrozzi e Fabrizio Bellacosa dell’associazione Duecento22 – Arti e Spettacolo, gestori eroi del Teatro Comunale di Veroli –  ad un certo punto finiscono anche le parole, come diceva Goldoni. Noi non le abbiamo finite, ma le sentiamo tremanti in gola dall’emozione. Abbiamo puntato a ridisegnare il futuro ernico del teatro. Un futuro che riparte un po’ dal passato, dalle sale prive di platea e da spunti che si rifacevano all’età della Commedia dell’Arte o del teatro elisabettiano più che del teatro borghese. Una via di mezzo insomma tra gli inizi e il teatro del domani. Siamo pronti  a riaprire quel sipario proprio da dove l’avevamo sprangato, ma dietro le quinte e nel nostro cuore vi assicuriamo che la vita teatrale di progettazione non ha mai interrotto il suo corso.  Siamo ancora qui per voi e grazie a voi, certi  che il Teatro possa superare anche la difficoltà di quei centimetri di distanza da un abbraccio. Abbiamo cercato una nuova casa e l’abbiamo trovata, bellissima e scenograficamente perfetta. Abbiamo provato ad inventarci un cartellone che soffiasse vento nuovo e grazie alle compagnie teatrali che hanno aderito siamo certi di averlo trovato. La prima edizione di Chiostro in Scena ha registrato il sold out e questo per noi è stata linfa per non cadere in ginocchio e provarci ancora. Ancora più forti, ancora più motivati. Ancora più agguerriti. Il silenzio è virus che seppellisci i vivi, il Teatro no. Contagia solo  allegria e vita, ed è quello che vogliamo portare in scena e regalare al nostro pubblico. Ci siamo, si riparte, si va in scena. Doveroso il nostro più accorato ringraziamento alla Pro Loco locale ed al Comune di Veroli, in particolare alla consigliera delegata alla Cultura Francesca Cerquozzi e al Sindaco Simone Cretaro. 

La maratona teatrale avrà inizio Sabato 12 giugno alle ore 21:30 con  “PAROLE CHE CAMBIANO IL MONDO ” di Paolo Carnevale e Andrea Di Palma. Secondo appuntamento, sabato 19 Giugno ore 21:30 quando sarà di scena il TEATRO DELL’ APPESO con “OMBRE DEL VARIETÀ“. Regia di Amedeo Di Sora. Venerdì 25 giugno  ore 21:30 “ORA D’ARIA…IN SOLILOQUIO“, Regia di Fabrizio Di Stante, Teatro Labrys.  Ancora sabato 07 Agosto ore 21:30 “CAZZAROLÀRIA. La farsa della pentola“,  Regia di Piergiorgio Sperduti,  Produzione Prosperiane.  Sabato 21 Agosto ore 21:30 con la regia di Ivano Capocciama “MACBETH” di William Shakespeare, Teatro Medusa. Ultimo appuntamento Sabato 28 Agosto ore 21:30 con “IL CAFÈ BELLE EPOQUE“,  Regia di Valerio Germani,  Compagnia del Teatro Studio.

Gli eventi, nel rispetto delle normative anti Covid come da regolamento ‘VeroliSicuramente’, sono a numero chiuso. Per partecipare è quindi necessaria la prenotazione, chiamando ai numeri 340 9109655 Enrico, oppure 389 1762555 Fabrizio. Obbligo dei dispositivi di sicurezza (mascherina) e rispetto del distanziamento sociale.