HOMEPAGE APPUNTAMENTI Veroli – Il 23 Settembre Prato di Campoli si trasformerà in uno...

Veroli – Il 23 Settembre Prato di Campoli si trasformerà in uno straordinario palcoscenico musicale

3915
CONDIVIDI

Si tratta di una rassegna di esibizioni canore itinerante, promossa dal Coro CAI di Frosinone per celebrare i novant’anni dalla fondazione del Club Alpino Italiano di Frosinone.

Come riporta il sito notizieAPP a firma di Monia Lauroni, la manifestazione intitolata “Iam a cantà” consiste in una serie di concerti in luoghi prettamente montanari e di forte impatto visivo, tra cui Prato di Campoli, scelto in base alle informazioni della “Guida illustrata della Ciociaria IAM”.

Un’occasione per valorizzare il gioiello ernico, nell’insolita veste di teatro di musica. Tanto si deve anche al Maestro Luigi Mastracci, direttore del coro “Gaudete in Domino” di Veroli che in collaborazione con il direttore del coro CAI di Frosinone Giuseppina Antonucci, ha portato più volte Veroli, in occasione di eventi musicali e corali, sotto i riflettori dell’intera Ciociaria.

L’evento che offrirà la possibilità di vivere Prato di Campoli in modo diverso, avrà luogo nella mattinata del 23 settembre, dalle ore 10.00 alle ore 12.00 e vedrà la partecipazione di diverse corali della provincia di Frosinone: i padroni di casa Coro “Gaudete in Domino” di Veroli M° Luigi Mastracci, il Coro organizzatore “CAI” di Frosinone M° Giuseppina Antonucci, il Coro “Comunale di Supino” M° P. Vernile, il Coro “Le Voci” M° M. Bufalini ed il Coro “In Laetitia Cantus” M° E. Scerrato.

Canti, suoni e paesaggio in forme mutevoli, con la loro capacità di piegare la realtà alle sagome del pensiero in uno stupefacente contesto naturale, dalla penombra del bosco alla luce smagliante del tappeto erboso, che sapranno ricompensare di ogni fatica.

Il tutto con il patrocinio del Comune di Veroli. C’è da sottolineare che per il coro Verolano “Gaudete in Domino”, prettamente nato come coro liturgico, sarà questa l’occasione di dimostrare le straordinarie doti di versatilità e adattamento, essendo per la prima volta impegnato in canti popolari che si differenziano totalmente dal genere sacro finora magistralmente eseguito.