HOMEPAGE CRONACA I Trillanti e gli “Stornelli a pandemia”: quando la realtà prende voce...

I Trillanti e gli “Stornelli a pandemia”: quando la realtà prende voce con l’endecasillabo cantato

1144
CONDIVIDI

 Il 16 dicembre 2020 è stato pubblicato, su tutte le piattaforme online, il videoclip ufficiale del nuovo singolo de I Trillanti. L’ormai più che noto ensemble laziale di musica popolare, con il progetto Tradizione 2.0, viaggia nelle trame della tradizione per tesserle, riportarle alla luce e sostenerle con una forza ed un’energia innovativa.“Stornelli a Pandemia”, questo il titolo del brano, nasce, innanzitutto, con l’obiettivo di valorizzare lo stornello come un tipo di poesia che appartiene a tutti noi. Nasce, quindi, per ricondurlo alla sua antica funzione: quella di raccontare, attraverso l’endecasillabo cantato e utilizzando come tramite la musica, le vicende della vita. Così, in questo 2020, agli stornelli l’arduo compito di parlare della pandemia da Covid-19 in cui ci troviamo immersi da circa un anno a questa parte. Nel videoclip ufficiale, con la regia di M.C. Production di Mattia Crolla e l’interpretazione dei componenti de I Trillanti e altri ospiti chiamati ad abbracciare la causa “Ci siamo tutti – commenta il gruppo musicale – ognuno con un modo diverso di vivere questa situazione quasi distopica”. C’è chi la sta passando a studiare e chi a guardare film; chi continua ad andare a prendersi un caffè al bar e chi continua a restare in casa; chi sta lavorando con tutte le precauzioni del caso e chi, invece, ha dovuto abbassare la saracinesca. Poi c’è chi continua a resistere nonostante le mancanze e chi, in questa seconda ondata, è diventato come le particelle molecolari impazzite per l’alta temperatura: insofferente e irrequieto. “Il virus è ancora in mezzo a noi, ma…..Sì, c’è un ‘ma’ in questa storia” – dichiara Mattia Dell’Uomo, leader del gruppo e ideatore del brano – Nonostante il fango in cui ci troviamo impantanati, in un presente che ci sembra non avere domani, non dobbiamo dimenticare che c’è qualcosa dentro di noi, nelle grotte della parte più intima della nostra persona, che ci muove, che ci spinge verso la via d’uscita. È una danza antica fatta di gioia, di contatto, che non lascia spazio alla rassegnazione. Una danza che ci muove, tutti, verso la speranza. Perché è l’unica cosa che possiamo fare ora: non smettere di sperare.” Il videoclip è disponibile sul canale Youtube de I Trillanti, e sulle pagine Facebook e Instagram del gruppo. È possibile, inoltre, ascoltare il brano su Spotify. Una ventata di ottimismo e positività in cui ciascuno di noi potrà, sicuramente, riconoscersi. Non resta che andare a vederlo. Perchè in fondo il vecchio detto ‘canta che ti passa’, il saggio invito a non spaventarsi e a curare le preoccupazioni e i timori con il canto resta il miglior antidoto contro tutti i mali.

Per tutti gli aggiornamenti, potete consultare il sito web www.itrillanti.com.