HOMEPAGE CRONACA Ti ha morso un ragno? Hai l’alito cattivo? Tutta colpa di Astra...

Ti ha morso un ragno? Hai l’alito cattivo? Tutta colpa di Astra Zeneca!

329
CONDIVIDI
Se qualcuno ancora dovesse pensare che gli italiani siano un popolo di burloni e di creduloni, o meglio solo gli italiani, evidentemente ancora non conosce gli esiti delle schede che l’Univerità di Oxford ha pubblicato inerenti agli effetti indesiderati dei vaccini Astra Zeneca, ora Vaxzevria, sulla popolazione britannica. Preambolo d’obbligo: questo scritto non vuole toccare l’argomento dal punto di vista medico, ma semplicemente riportare ironicamente quanto emerso, dopo che i vaccinati del Regno Unito sono stati invitati a compilare una scheda sulla quale segnalare gli effetti e le reazioni avverse avvertite dopo la vaccinazione. Quello che ne è venuto fuori ha del surreale. Più che di un vaccino pare si stia parlando di janare, le streghe nere dai poteri malefici che con una litania erano capaci, secondo credenze popolari, di elargire fatture e magie. Dai morsi di ragno alla flatulenza, dall’alito cattivo al flop della sera prima nell’alcova coniugale. Un elenco surreale che continua con fratture in parti del corpo, eiaculazione precoce, herpes sulle zone genitali e fallimento della dieta. Si vuole sperare che gli stessi britannici, almeno la buona parte di loro, abbiano compilato le schede riportando in maniera volontariamente burlonesca, ‘effetti’ che sarebbero più da attribuire al classico concetto di ‘jella’ o all’ingordigia da Fish and Chips. Paradossali, ironici o ci credono per davvero che se batti un mignolo contro lo spigolo la notte dopo che ti hanno inoculato la prima dose Vaxzevria è tutta colpa del vaccino? Noi non ci crediamo, però se siete già stati vaccinati e domani troverete nell’Uovo di Pasqua il solito inutile portachiave di plastica, saprete almeno il perché è toccato a voi. Noi vi abbiamo avvertito! Anche gli auguri vanno serviti con due gocce di sarcasmo e un filo di ironia, altrimenti, in questo momento non proprio dei migliori, potrebbero risultare indigesti, quindi Serena Pasqua a tutti. Vaccinati e non.
Monia Lauroni