HOMEPAGE CRONACA Sta per nascere a Veroli la prima Associazione Apicoltori Verolani

Sta per nascere a Veroli la prima Associazione Apicoltori Verolani

821
CONDIVIDI

A Veroli qualcosa di nuovo ronza nell’aria. Qualcosa che ha a che fare con un mondo straordinario ma ancora troppo poco valorizzato e difeso. Parliamo di api. Quell’  importante anello che ci permette di poter trovare le condizioni favorevoli per vivere sul nostro pianeta. La moría delle api è un argomento molto dibattuto a livello globale e in particolar modo in ambito nazionale.

Anche se le attività di questo straordinario insetto vengono associate soprattutto alla produzione di miele, cera e propoli; molto spesso si ignorano le funzioni ben più importanti che le api svolgono per il nostro ecosistema. Le api, come tutti gli altri insetti impollinatori, hanno un ruolo fondamentale nella conservazione della natura e il mantenimento della biodiversità.

Nasce così a Veroli la prima ‘Associazione Apicoltori Verolani’, che verrà regolarmente registrata agli inizi del nuovo anno. L’associazione si pone quali obiettivi iniziali gli scambi di idee e di competenze tra i soci, l’attivazione di sinergie, corsi teorici e pratici, la conduzione di apiari anche didattici coinvolgendo le scuole del territorio, diffondere, migliorare e difendere l’apicoltura,  promuovere la conoscenza dell’opera benefica delle api per l’agricoltura ed espandere il consumo dei prodotti dell’alveare. Un progetto che, partendo dalle bottinatrici, vuole promuovere nuovi percorsi di educazione ambientale. Per ora la realtà associazionistica nascente annovera una ventina di iscritti tra apicoltori professionisti e hobbisti, accomunati dalla medesima passione culturale per il mondo apistico con presenze che spaziano tra i diversi comuni della provincia di Frosinone.

Un sodalizio di intenti che testimoniano il vasto interesse per questo insetto. Ora si avrà anche  una realtà seria e affidabile sul nostro territorio. Dalle competenze sul campo a quelle tecnico­legislative, l’idea primordiale è quella di assistere gli apicoltori già esperti, ma anche di formarne di nuovi. Non ha scopo di lucro ed è aperta a tutti coloro che, regolamente iscritti all’anagrafe apistica, ne condividono, aderendovi, gli scopi e la passione per l’affascinante mondo delle api, sentinelle degli equilibri ecologici, preziose per l’agricoltura che senza chiederci nulla in cambio ci  donano prodotti straordinari.

Siamo solo agli inizi, gli eventuali sviluppi futuri verranno realizzati passo dopo passo per coinvolgere non solo gli apicoltori ma tutte le  persone, per una visione più consapevole di quello che di straordinario ci circonda. Anche attraverso i suoi cittadini Veroli conferma il suo trend più che mai green.

Monia Lauroni