HOMEPAGE CRONACA Regione Lazio – Lotta al Covid, Zingaretti:”2 Mln di euro per...

Regione Lazio – Lotta al Covid, Zingaretti:”2 Mln di euro per associazioni sportive”

257
CONDIVIDI
NICOLA ZINGARETTI REGIONE LAZIO ALESSIO D’AMATO ASSESSORE

 ZINGARETTI: 2 MLN DI EURO DI CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER ASSOCIAZIONI E SOCIETA’ SPORTIVE DILETTANTISTICHE. I FONDI, DISPONIBILI DOPO PUBBLICAZIONE DI UN BANDO, SI AGGIUNGONO AI 6 MILIONI GIA’ STANZIATI IN PRIMAVERA

Questa mattina la giunta regionale ha approvato, tramite delibera, lo stanziamento di 2 milioni di euro a fondo perduto a favore delle Associazioni Sportive Dilettantistiche e delle Società Sportive Dilettantistiche del Lazio. A dare la notizia il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti che aggiunge: “Si tratta di un aiuto concreto e immediato che si somma ai 6 milioni di euro già stanziati in primavera nel primo periodo della pandemia a favore dello sport dilettantistico. Un settore dello sport che ha risentito in modo particolare dell’emergenza economica e sanitaria che stiamo vivendo, e per questa ragione abbiamo pensato di intervenire nuovamente per offrire una boccata di ossigeno alle tantissime associazioni che sono presenti nella nostra regione. Molte di queste operano da anni sul territorio e rappresentano un riferimento dal punto di vista sociale e non solo sportivo per migliaia di ragazzi e per le loro famiglie, offrendo per di più uno sbocco occupazionale a tanti operatori del settore ora in sofferenza sempre a causa del Covid”. “Le procedure per la partecipazione al bando – conclude Zingaretti – saranno molto semplificate, come accaduto già la prima volta, in modo da poter far arrivare i contributi economici ai soggetti, che ne faranno richiesta, nel più breve tempo possibile”. I finanziamenti saranno erogati dopo la pubblicazione di un bando a cura della società regionale LAZIOcrea S.p.A. entro il mese di dicembre. Potranno partecipare le Associazioni Sportive Dilettantistiche (ASD) e le Società Sportive Dilettantistiche (SSD) che operano nel territorio regionale, anche nei casi di gestione di specifici spazi, di natura pubblica o privata, i cosiddetti concessionari, che spesso rappresentano la parte più debole di questo settore.

4 dicembre 2020