HOMEPAGE PRIMO PIANO Pesante battuta d’arresto per il Nuovo Basket Alatri, battuto in casa 65-70...

Pesante battuta d’arresto per il Nuovo Basket Alatri, battuto in casa 65-70 dalla Tiber Roma

452
CONDIVIDI

Pesante battuta d’arresto per il Nuovo Basket Alatri, battuto in casa 65-70 dalla Tiber Roma. Prestazione da dimenticare per i verderosa che sprecano la ghiotta opportunità di chiudere matematicamente il discorso salvezza e ora dovranno guardarsi attentamente le spalle dal team capitolino, che avrà un calendario decisamente più agevole nel prosieguo della fase a orologio. Iniziano bene i padroni di casa con la buona vena di Nistor, ben presto però limitato dai falli. Il buon avvio però si rivela un fuoco di paglia, Alatri fatica a trovare ritmo e non riuscirà mai nel corso del match a leggere adeguatamente le difese avversarie né a interpretare un metro arbitrale di non facile comprensione. La Tiber limita i danni al -1 del primo quarto e passa a condurre nella seconda frazione, con i padroni di casa che affrettano troppe conclusioni e restano per tanti minuti senza segnare, scivolando anche a -10. I ciociari comunque riprendono in mano la partita e chiudono sul +4 una prima parte di gara tutt’altro che convincente. Le avvisaglie si concretizzano nella terza frazione, con poca lucidità negli attacchi ciociari che producono facili canestri in contropiede all’interno di una frazione a senso unico in favore degli ospiti. Alatri tocca anche il -14 in avvio di quarto periodo ma reagisce di puro orgoglio, regalandosi così la possibilità di giocare il finale in volata contro un avversario privo del suo giocatore migliore, Belmaggio, uscito per falli. I locali tornano a un solo possesso di distanza ma la Tiber trova un’altra tripla di tabella dopo le due della gara precedente al Pala Minnucci, stavolta da 10 metri allo scadere dei 24 secondi: la giocata simbolo della serata storta dei ciociari. Non mollano ancora, però, i padroni di casa che hanno anche la palla del pareggio con un tiro aperto di Marini, arrivato (va detto) al termine dell’ennesima azione non orchestrata al meglio. Il ferro non lo accoglie, ai capitolini così basta fare 1/2 in lunetta per vincere con pieno merito l’incontro e riaprire totalmente il discorso salvezza. Alatri si lecca le ferite al termine di una partita nata male e finita peggio, la proverbiale serata da dimenticare. Da dimenticare alla svelta, visto che sabato 18 Marzo ci sarà l’impegno in casa della Lazio, un appuntamento che a questo punto diventa uno snodo fondamentale della stagione.

Ufficio stampa Nuovo Bk Alatri