HOMEPAGE CRONACA OSPEDALE ALATRI, CAMPOLI A CIANFROCCA: “STANNO DEMOLENDO L’OSPEDALE E TU BATTI LE...

OSPEDALE ALATRI, CAMPOLI A CIANFROCCA: “STANNO DEMOLENDO L’OSPEDALE E TU BATTI LE MANI”

732
CONDIVIDI

Riceviamo e pubblichiamo:

Caro Sindaco Cianfrocca, purtroppo per te ricordo e, ricordo tutto!! A partire dal fatto che quando eri un esponente dell’opposizione criticavi ogni cosa si facesse per l’Ospedale di Alatri: come dimenticare il tuo blitz notturno per criticare i lavori di potenziamento del pronto soccorso. Quelle erano le sedi opportune? Poi, caro Cianfrocca, chiedo a te che sei un così alto cultore del rispetto istituzionale, quale, per un sindaco, è la sede più opportuna dell’assemblea dei sindaci? Ricordo, perché purtroppo ricordo tutto, che dopo la tua elezione affermasti che proprio quella dell’assemblea era la sede in cui avresti fatto valere le ragioni del nostro nosocomio. Come si dice dalle nostre parti “le chiacchiere stanno a zero”. Per l’ospedale San Benedetto esiste un prima ed un dopo. Prima si potenziava ora si demolisce. Si sostituiscono reparti con ambulatori e tu batti le mani. Cosa sia cambiato tra il prima ed il dopo lo stabiliranno i cittadini. A me non interessa. Tanto per aiutarti a rimembrare: Avevano 44 posti medicina ora 20, avevamo Pediatria h 24 ore h6 e nemmeno menzionata sull’atto aziendale. Terapia intensiva abbiamo 5 posti da 10 anni ed è stata ricostruita da zero 6 anni fa. Ortopedia avevamo la UOC di traumatologia e protesica ora a mezzo servizio. Riabilitazione doc come adesso, ma noi l’abbiamo creata da zero. Fra 4/5 mesi arriva la RM, guarda un po’ quella impegnata da Alessio D’Amato il giorno della visita al neo PS che abbiamo rimodernato e ampliato durante la Regione di Zinga. Come vedi caro Maurizio tu sei stranamente “basito”, ma ricordati bene, fai il confronto e svegliati. Saremmo molto felici di averti al Ns fianco per il semplice bene del San Benedetto, dei pazienti e dei nostri concittadini. Quello che vedo è un continuo danneggiare il nostro ospedale. Tu ne sei felice. Io no. E mi batterò fino all’ultimo respiro.