HOMEPAGE PRIMO PIANO La verolana Jes­si­ca Sca­ra­fo­ne porta a casa un altro successo allo Slalom...

La verolana Jes­si­ca Sca­ra­fo­ne porta a casa un altro successo allo Slalom Favale-Castello

473
CONDIVIDI

 

Ancora un altro suc­ces­so per la verolana Jes­si­ca Sca­ra­fo­ne della scu­de­ria RO Ra­cing. Un successo che arriva dalla Li­gu­ria, dove la nostra Jessica si è distinta anche al 13° Sla­lom Fa­va­le Ca­stel­lo, va­le­vo­le per il Cam­pio­na­to ita­lia­no di spe­cia­li­tà. Un fulmine rosa a bor­do del­la sua in­se­pa­ra­bi­le Ci­troen Ax, ha vin­to infatti an­che la clas­se E1 Ita­lia.

Traguardo finale sempre più vicino. Tre manches su un percorso tanto bello quanto impegnativo, una gara in crescendo che avvicina sempre più al primato in campionato. Per Jessica la vita è correre. Il resto è soltanto attesa tra una curva e l’altra. E vincere quel titolo diventerebbe qualcosa di più. Diventerebbe portare sul podio la tigna e la temerarietà delle donne ciociare, i sacrifici e i kilometri che la tengono lontana dalla sua famiglia e dalla sua Santa Francesca, frazione verolana che con lei palpita ed esulta. Jessica torna a casa dalla Liguria con un’altra meritata vittoria nella classifica femminile di gara, prima tra quattro ragazze ammesse al via della competizione, e con punti pesantissimi per il campionato.

Risultato ‘roboante’, meritato e sudato. Dedizione e competenza, un piede destro che non conosce limiti con una donna attorno. E che donna! Questa è Jessica: convinzione, testardaggine, duro lavoro, velocità e femminile e materna dolcezza.

Una ‘tosta’ che sa spremere cavalli dal motore, ma che quando torna a casa ritrova la bellezza di essere madre, di essere ciociara e la consapevolezza di aver battuto il record più difficile: quello con se stessi e con i propri limiti. Dalla Liguria a Santa Francesca di Veroli, con un’altra vittoria in punta di acceleratore e la fierezza di aver portato a casa il risultato. Quattro ruote, un sedile, un volante, una donna. E quando una donna, una donna come Jessica corre, si alzano le polveri e cadono tutti i luoghi comuni.

Monia Lauroni