HOMEPAGE APPUNTAMENTI Frosinone – Flora Canto incanta nella serata inaugurale del Festival dei Conservatori...

Frosinone – Flora Canto incanta nella serata inaugurale del Festival dei Conservatori di Musica

344
CONDIVIDI

Ieri si è tenuta la serata inaugurale della nona edizione del Festival dei Conservatori di Musica nella splendida location di Piazzale Vittorio Veneto a Frosinone.

La serata presentata magistralmente dal duo consolidato ed affiatatissimo Mary Segneri-Paolo Colasanti ha visto esibirsi sul palco ragazzi e band provenienti da tutta Italia per far conoscere la propria musica e partecipare alla gara. Ieri è stata la volta dei primi tre gruppi e stasera e domani si proseguirà con il Festival sempre nella stessa location.

Nella serata inaugurale però ad incantare è stata indubbiamente l’ospite d’eccezione che è stata Flora Canto. La ragazza romana conosciutissima al grande pubblico per le sue trasmissioni televisive che spaziano dal comico, all’impegnato, ha intrattenuto il pubblico presente con una bellissima interpretazione del brano “Romana” di Tosca. Interpretazione perfetta e applausi scroscianti hanno fatto da corollario all’esibizione canora.

Prima di essa però… Mary Segneri in un bellissimo salottino allestito a cielo aperto aveva intrattenuto l’ospite con una bellissima intervista che ha spaziato tra la vita professionale e quella affettiva della show-girl, moglie di Enrico Brignano. Proprio su questo aspetto lei ha scherzato molto facendo presente quanto sia difficile ma allo stesso tempo bellissimo ed esaltante riuscire ad emergere nel mondo dello spettacolo anche e soprattutto con le proprie forze e senza essere sempre etichettata come “la moglie di…”. La serata e l’intervista è andata via in modo piacevole tra battute divertenti e anche diversi aneddoti scherzosi della vita di Flora.

La perfetta interpretazione della canzone di Tosca ha messo fine all’ospitata che ha lasciato buon umore in tutti i presenti che hanno potuto apprezzare e toccare con mano una ragazza umile e gentile.

Articolo a cura dell’inviato Massimo Papitto