HOMEPAGE CRONACA Frosinone, blocchi e Ztl con telecamere per stanare i furbetti

Frosinone, blocchi e Ztl con telecamere per stanare i furbetti

669
CONDIVIDI

Blocchi del traffico, targhe alterne e zone a traffico limitato: mesi contanti per i furbetti che non rispettano le ordinanze. Il Comune di Frosinone, per far rispettare ordinanze che spesso in passato non venivano eseguite per mancanza di personale e di vigili addetti ai controlli, sta percorrendo due strade: l’installazione di nuove telecamere leggi-targa e l’avvio del procedimento autorizzativo per fare in modo che questi dispositivi elettronici possano elevare contravvenzioni. Dopo l’installazione di 41 pannelli agli altrettanti varchi cittadini, ben presto si passerà alla seconda fase: l’installazione su questi pannelli di telecamere in grado di leggere le targhe.

«Entro l’autunno – fanno sapere dal Centro elaborazione dati comunale – ogni varco avrà la sua telecamera». Inizialmente serviranno solo per monitorare il traffico e per disincentivare eventuali episodi di microcriminalità. Il tutto in attesa di un via libera da parte del ministero. Nel frattempo, infatti, la polizia locale dovrà ultimare l’iter burocratico per ottenere dal ministero dei Trasporti l’autorizzazione a poter rilevare contravvenzioni così come già avviene al centro di Roma e nelle altre città. «Ovviamente fanno sapere dal Ced i pannelli informeranno sia sulle disposizioni in vigore sia se lo stesso varco sia attivo o meno». Una volta che entreranno in funzione le telecamere sarà difficile sfuggire e in un prossimo futuro la contravvenzione arriverà direttamente a domicilio, così come già avviene in altre città. Se le telecamere inizieranno a funzionare già in autunno è possibile che l’autorizzazione arrivi nel 2020 quando scatteranno anche altri divieti di circolazione per i diesel euro 3 ed euro 4. Insomma l’occhio elettronico sta sostituendo quello tradizionale del vigile urbano, che a Frosinone sta diventando sempre più una rarità tra pensionamenti e mancate sostituzioni. Infine spariranno anche quelle transenne di plastica, con tanto di cartello di carta, poste al centro della carreggiata per avvisare dei divieti in corso.

Altre 14 telecamere saranno installate presso tutti gli incroci della Monti Lepini, queste più per motivi di sicurezza. Il pannello luminoso installato fuori l’uscita del casello autostradale avrà inoltre molteplici funzioni: oltre ad avvertire dei provvedimenti in atto all’interno della fascia urbana e della ztl, servirà sia come indicazione per la direzione del Pronto soccorso sia, in occasione delle partite casalinghe del Frosinone calcio, per guidare al parcheggio di riferimento le tifoserie ospiti in prossimità dell’uscita autostradale. Complessivamente l’installazione di queste 55 telecamere nuove è costata 110mila euro, finanziati quasi completamente da fondi regionali di provenienza europea con una minima compartecipazione comunale di 3mila euro. Frosinone, dunque, diverrà una delle città più monitorate d’Italia con circa 600 telecamere sparse su tutto il territorio. Al di là dei provvedimenti antismog, è anche un valido aiuto per le forze dell’ordine.