HOMEPAGE POLITICA Ferentino – “chi ha autorizzato la capitozzatura del patrimonio arboreo?” denuncia...

Ferentino – “chi ha autorizzato la capitozzatura del patrimonio arboreo?” denuncia di Marco Maddalena Capogruppo Consiliare di Sinistra Ecologia e Libertà

1023
CONDIVIDI

Il Sindaco e l’Assessore all’Ambiente chiariscano subito chi ha autorizzato la capitozzatura del patrimonio arboreo . così in una nota di Marco Maddalena (SEL).Un atto dovuto da parte del Sindaco e dall’ Assessore all’ Ambiente a seguito della nota del Dott. Giuseppe Saracino , esperto agronomo,  il quale con dovizia di  particolari e nozioni tecniche  avverte come il patrimonio arboreo della città di Ferentino sia minacciato “ dalla mano pesante di personale incompetente”  , infatti, “ platani, tigli addirittura ligustri e prunus sono oggetti d’interventi di capitozzatura” . Con la tecnica della capitozzatura “la pianta perde il suo naturale equilibrio, tra radici, fusto e chioma, portandola, talvolta, alla morte” .

La capitozzatura, infatti,   è la più dannosa e costosa  pratica di arboricoltura conosciuta . Questi interventi improvvisati oltre al rischio della perdita del patrimonio arboreo comportano uno “spreco”  di denaro pubblico. Non è pensabile che  il denaro pubblico possa essere utilizzato per danneggiare un patrimonio arboreo

Per tutto ciò, ho presentato un’interrogazione urgente, per sapere sia i costi e sia  quali siano i criteri nella scelta delle ditte per la manutenzione del patrimonio arboreo, in particolare, se gli addetti fossero in possesso di adeguata certificazione professionale . Da chiarire inoltre in base a quali valutazione il Comune abbia permesso di utilizzare la tecnica della  capitozzatura , in quanto, è necessario avviare una diagnosi preventiva sugli alberi piuttosto che rovinarli .Infine, nella interrogazione si chiede se il Comune intende prendere provvedimenti nei confronti delle ditte responsabili della capitozzatura e cosa  stia facendo per il censimento degli alberi monumentali come richiesto dalla legge 10/2013