HOMEPAGE PRIMO PIANO Calcio – Verso Frosinone-Cosenza, Nesta: “Sono una squadra pericolosa. Massima attenzione”

Calcio – Verso Frosinone-Cosenza, Nesta: “Sono una squadra pericolosa. Massima attenzione”

71
CONDIVIDI

La  conferenza stampa di mister Alessandro Nesta si svolge poco prima dell’allenamento di rifinitura di questa settimana corta, alla vigilia del match con il Cosenza.

Mister Nesta, il ritorno in campo dopo una sosta spesso nasconde delle insidie. Lei  cosa teme di più per la gara col Cosenza? Ritiene che si possano trarre anche dei vantaggi da questa pausa?

“Se parliamo di vantaggi, abbiamo avuto modo di riposare un po’ e qualche giocatore ha potuto riprendere una condizione migliore. L’incognita invece è rappresentata dal fatto che dopo tanto tempo fermi, senza una partita ufficiale, la squadra deve riprendere il ritmo-partita”.

Che squadra affronterà venerdì, quali le caratteristiche del Cosenza e quali le insidie principali per la sua squadra?

“Le caratteristiche del Cosenza ci presentano una squadra in grado di fare buone ripartenze con giocatori di ottima ‘gamba’. Una formazione pericolosa. Ripeto quanto dico da tempo: la serie B è difficile, c’è grande livellamento e per questo non possono mai esserci partite facili”.

Fino al 30 dicembre il Frosinone giocherà 9 partite, 4 in casa e 5 in trasferta. Affronterà tra l’altro Chievo, Salernitana, Pordenone, Brescia e Lecce. Un bel tour de force. Come ha trovato la squadra dopo questa sosta e se ha parlato con Angelozzi anche in ottica mercato invernale.

“Al mercato adesso non ci pensiamo, anche perché in questo momento siamo contenti dei nostri giocatori. E’ vero che ci saranno tante partite concentrate in poco più di un mese, per cui ci sarà spazio per quasi tutti. E dovranno farsi trovare pronti. I campionati si vincono con le rose lunghe e noi abbiamo un organico importante da sfruttare  al 100%”.

Mister Nesta, la sosta le ha riconsegnato un Kastanos in grande fiducia, pensa possa essere una delle rivelazioni da qui in avanti? Il ragazzo ha giocato due partite e mezzo in nazionale in una settimana, lo terrà a riposo o ritiene che possa essere impiegato fin dal primo minuto?

“Vedremo, ancora non l’ho potuto osservare da vicino. Ha girato molto in questi giorni, vedremo quali saranno le effettive condizioni. Ma ci sono anche altri giocatori e magari lui lo potremmo tenere fresco per successive partite”.

Ha già avuto modo di confrontarsi con il nuovo direttore Angelozzi? Che impressione le ha fatto?

“Abbiamo parlato certamente, il direttore Angelozzi è arrivato da poco e sta osservando tutto il mondo che ruota attorno al Frosinone per farsi un’idea. Mi ha destato ottima impressione, siamo insieme tutto il giorno ci confrontiamo su tutto quello che si può fare per migliorare la squadra, per renderla il più possibile efficace anche sotto il profilo mentale. Ci confrontiamo anche sulle partite. In definitiva lo definirei un ottimo rapporto”.

Come stanno Ariaudo e Capuano, c’è il rischio di affrontare il Cosenza con gli uomini contati in difesa?

“Ariaudo ha recuperato, Capuano non è ancora al 100% ma abbiamo comunque altri giocatori. Non siamo così in emergenza come si dice”.