HOMEPAGE PRIMO PIANO Calcio – Milan-Frosinone 3-1, Di Francesco: “Sconfitta che ci farà crescere e...

Calcio – Milan-Frosinone 3-1, Di Francesco: “Sconfitta che ci farà crescere e migliorare”

121
CONDIVIDI

Eusebio Di Francesco, tecnico del Frosinone, parla così ai microfoni di Sky Sport il match perso oggi per 3-1 contro il Milan: “Mi è sembrato di rivivere la partita contro l’Inter dove avevamo fatto bene e poi preso gol nel finale. Il calcio è fatto di episodi, loro sono stati più bravi, ci hanno rispettato. Noi abbiamo cercato di fare la nostra partita con le nostre assenze, abbiamo cercato di produrre un calcio piacevole, peccato che loro poi abbiano trovato il 2-0. Loro sono stati più bravi a concretizzare, anche se alla fine il nostro portiere non ha avuto grossi impegni”.

Ai ragazzi dice di continuare a sognare?
“A sognare perché no, ma al tempo stesso mantenere i piedi per terra con la consapevolezza che questi ragazzi possono regalare soddisfazioni anche se sono molto giovani. Attraverso questi errori impareremo, peccato perché qui a San Siro siamo venuti sempre con un’idea e con un pensiero e andiamo via a mani vuote, sarebbe stato bello portare a casa un risultato positivo”.

Le cinque sconfitte di fila in trasferta possono pesare?
“Non cambierà la nostra idea, io credo che questa squadra sia nata per produrre un certo tipo di gioco, sono certo che ci toglieremo delle soddisfazioni. Fin qui non è successo, ma arriverà la giornata giusta”.

Il momento difficile della sua carriera di cui ha parlato in questi giorni?
“Mi ha aiutato guardarmi dentro e fare autocritica, ascoltare le persone giuste che davvero ti vogliono bene. Ho sentito tante chiacchiere poco rispettose verso l’uomo Eusebio, penso però che i nipoti siano stati la cosa più bella di questo periodo, sono diventato nonno e quando le cose non vanno penso a loro”.

Quale autocritica ha fatto?
“L’aver gestito male certe situazioni e magari sentirmi più in colpa di quello che volevo, ho modificato il mio modo di vedere il calcio, ora forse sono meno integralista. Questo è stato il mio sforzo e il mio modo di crescere tecnicamente e psicologicamente. Bisogna però cercare di essere sempre se stessi anche se di fronte hai dei campioni. Ho la fortuna di aver lavorato tanto in questo mondo e di avere una bellissima famiglia, ma l’adrenalina del calcio me la sto godendo tutta”.