HOMEPAGE PRIMO PIANO Calcio – Frosinone-Pisa 3-1, mister Grosso: “Siamo stati bravi, giocata una partita...

Calcio – Frosinone-Pisa 3-1, mister Grosso: “Siamo stati bravi, giocata una partita di cuore”

86
CONDIVIDI

Torna al successo il Frosinone che mette una seria ipoteca sulla salvezza battendo 3-1 il Pisa. Fabio Grosso commenta così la prima vittoria ottenuta sulla panchina dei ciociari: “Oggi siamo stati bravi, giocando una partita di cuore, a tratti anche di qualità, soffrendo quando era il momento di soffrire. Abbiamo voluto questa vittoria più di loro”.

Su quali aspetti si deve migliorare in vista della Spal?
“Veniamo da un periodo complicato e questa vittoria ci dà energia che dobbiamo riversare subito in campo per questo rush finale. Ci aspetta un’altra partita difficilissima e vogliamo finire il campionato con le qualità che abbiamo fatto vedere oggi”

La vittoria di oggi regalerà un finale più tranquillo?
“Non dobbiamo fermarci perché questo è un campionato strano, i risultati di oggi lo dimostrano. Abbiamo vinto questa partita con carattere, ne mancano tre e dobbiamo continuare con lo stesso spirito per raggiungere il nostro obiettivo che purtroppo è cambiato ma che meritiamo”.

Questi tre punti possono sbloccare la squadra?
“Abbiamo lavorato bene, il periodo difficile crea incertezze. Nelle prime gare ci è mancata anche un pizzico di fortuna, abbiamo sbagliato la partita col Pordenone che ci ha fatto precipitare in una situazione difficile. Non ci si può sicuramente accontentare”.

Come è maturata la scelta del doppio centravanti?
“Abbiamo avuto tempo per allenarci in vista del rush finale nel quale avremo bisogno di tutti. In un momento complicato ho deciso di mettere in campo chi in questo periodo ha dimostrato maggior spensieratezza”.

Pentito di non aver cambiato prima il modulo?
“No, si può sempre migliorare. Nelle prime tre gare non siamo riusciti a far sbloccare la scintilla ed è subentrata un po’ di paura. Oggi non era facile contro un Pisa che ha messo in difficoltà le grandi squadre”.

Quanto sono state utili queste due settimane?
“Lavorare è importante perché ti permette di trasferire le tue idee, da quando sono arrivato abbiamo sbagliato solo una gara col Pordenone. Nelle due partite casalinghe potevamo sfruttare meglio gli episodi. Questo gruppo non è abituato ad avere paura ma oggi ha avuto una grande reazione”.