HOMEPAGE CULTURA Alatri – Santa Maria Maggiore nella tradizione cristiana di Don Luigi Di...

Alatri – Santa Maria Maggiore nella tradizione cristiana di Don Luigi Di Lelio

331
CONDIVIDI

La chiesa di Santa Maria Maggiore è un capolavoro che dovrebbe essere vanto dell’intera nazione.

Basta guardarla per sentirsi immersi nell’affascinante Medioevo cristiano, raccontato dallo storico Raffaello Morghen.

Entrando si respira ancora la tranquillità e la dolcezza della Grazia divina.

Un sacerdote illuminato, l’indimenticabile don Luigi Di Lelio, parroco dello straordinario tempio, con sapienza ed acume

si è sempre prestato ad accogliere i fedeli, illustrando loro la semplicità geniale della struttura romanico–gotica, l’accattivante rosone, l’abside, le metope e i capitelli.

Monsignor Di Lelio ha saputo ritrasformare la casa di Dio in casa del popolo, secondo la più felice tradizione medievale.

Infatti nel Medioevo la chiesa rispettava il termine di ecclesia, termine latino che significa assemblea del popolo.

Nelle chiese non si andava solo per pregare ma anche per sviluppare il tema dello stare insieme.

I nostri avi medievali si riunivano in Santa Maria per discutere dei problemi politici, etici, sociali ed economici della comunità Alatri.

Don Luigi ha perpetrato tale antica e semplicemente cristiana consuetudine in tutta la sua vita terrena. Per questo noi lo ringraziamo e che Dio l’abbia in gloria.

Patrizio Minnucci