HOMEPAGE SPORT Alatri – L’Alatrense Danilo Ceci conquista a Bussero il titolo mondiale di...

Alatri – L’Alatrense Danilo Ceci conquista a Bussero il titolo mondiale di combattimento Shindokai-Kan della World Fighters Confederation

853
CONDIVIDI

Nelle giornate del 7 e 8  novembre 2015, si sono svolti nell’accogliente Palazzetto dello Sport di Bussero (Milano), i Campionati del Mondo a Contatto Pieno, di tutti gli Sport da Combattimento Moderno e Shindokai-Kan della World Fighters Confederation .


 

Questo Evento si è rivelato un importantissimo appuntamento per circa i 300 atleti provenienti da 22 Nazioni, tra cui La Francia, il Senegal, L’India, la Svizzera, la Polonia, la Spagna, Stati Uniti oltre ai nostri Italiani che  hanno entusiasmato il folto pubblico accorso già fin dalle prime ore della mattinata di sabato, quando tutti i Fighters hanno lottato accanitamente per assicurarsi un posto nella finale.

Tutti i match sono stati all’altezza della situazione: la tecnica pulita e il grande fair-play degli atleti sono stati i veri protagonisti. Le eliminatorie sono state solo il preludio al vero piatto forte, la conquista della cintura di Campione del Mondo. La tensione è salita alle stelle domenica, quando sono stati annunciati i primi match che avrebbero designato le prime Cinture Iridate.

Il nostro Danilo entra di prepotenza in finale e si aggiudica il mondiale contro un atleta Francese in “Full Contact + 80 Kg.”. Inutile dire l’emozione e la gioia di tutti i componenti della palestra “The Fighter APD” di via Gaudo ad Alatri dopo la conquista dell’ambito titolo mondiale.

Gli incontri tenutisi tra le sedici corde hanno visto scontrarsi atleti di differenti nazionalità, diversa provenienza sportiva, età e abilità tecniche, fornendo uno spettacolo quanto mai vario e adrenalinico, capace di tenere alta l’attenzione degli spettatori e anche degli stessi atleti.  Da parte degli amici, conoscenti e di tutti gli appassionati sportivi Alatrensi, oltre che dalla nostra Redazione formuliamo i nostri migliori auguri al nostro campione.

Bruno Sbaraglia