HOMEPAGE CRONACA ALATRI, INCONTRO SUL TEMA SUICIDI: “ACCENDERE UNA LUCE NEL BUIO È SEMPRE...

ALATRI, INCONTRO SUL TEMA SUICIDI: “ACCENDERE UNA LUCE NEL BUIO È SEMPRE POSSIBILE”

430
CONDIVIDI

Sabato 29 giugno, nella parrocchia del Cuore Immacolato di Maria, nella contrada di Laguccio ad Alatri, si è concretizzato quanto speravano i promotori dell’evento “Accendere una luce nel buio”, incontro ideato per reagire agli ultimi recentissimi casi di suicidio che hanno segnato il nostro territorio.

Nel pomeriggio, dopo la celebrazione della Santa Messa, tante sono state le persone che hanno deciso di partecipare all’appuntamento fortemente voluto da Daniele Grassi Bertazzi, Presidente dell’associazione “Alatri nel Cuore” e da Gabriele Ritarossi, Presidente dell’associazione “Radici” insieme all’instancabile Don Luca Fanfarillo, vero punto di riferimento della comunità e in modo particolare dei giovani, e a Stefania Casavecchia, Presidente di “A.M.A. Ceprano”, associazione di auto mutuo aiuto che in provincia di Frosinone si occupa di prevenzione del suicidio giovanile e di sostegno alle famiglie per l’elaborazione del lutto.

Lo scopo era quello di dare voce ad una comunità che chiede maggiore attenzione, per riflettere e ritrovarsi insieme di fronte a questa emergenza sociale e la risposta è stata eccezionale ed emozionante.

“Ringraziamo quanti hanno creduto e partecipato all’incontro di riflessione sul tema del suicidio, abbiamo pensato fosse indispensabile supportare le famiglie del nostro territorio attraverso la condivisione e l’ascolto, offrire una prima e immediata risposta concreta al dolore di chi ha perso un proprio caro – questo il commento degli organizzatori – iniziare un percorso di sensibilizzazione che riesca a tenere viva la speranza di fronte al disagio e alla solitudine”.

“Un ringraziamento speciale va a Manuela Mazzocchia per la testimonianza e il sostegno che ci ha donato e un elogio va rivoltoinoltre alla Croce Rossa, la cui partecipazione inaspettata è stata graditissima, e che ha informato i presenti dell’esistenza del numero gratuito 1520  per il supporto psicologico su tutto il territorio nazionale. Il messaggio più forte che è emerso dai tanti interventi – continuano gli organizzatori- può essere sintetizzato con il monito a non scordare mai che ognuno di noi è parte di una comunità e che solo nel confronto si possono trovare le risposte a problemi che ci possono sembrare insormontabili. Crediamo fortemente che non si possa più far finta che il problema non esista, e la partecipazione all’incontro di sabato scorso è un chiaro invito della cittadinanza a sostenere altri incontri di questo tipo e a dedicare maggiore spazio al disagio sociale del nostro territorio. Il nostro proposito – concludono gli organizzatori- è quello di lavorare per promuovere altri eventi a sostegno delle famiglie della comunità di Alatri e per mettere in dialogo le associazioni del territorio, il mondo degli specialisti e la nostra amministrazione in vista di un dibattito aperto e costruttivo sui bisogni concreti e le prospettive future da affrontare insieme per ricostruire un nuovo clima di fiducia e speranza”.

Associazione Politico Culturale 

ALATRI NEL CUORE