HOMEPAGE POLITICA Alatri – Commissione Toponomastica, qualcosa non funziona: denuncia di Roberto Addesse

Alatri – Commissione Toponomastica, qualcosa non funziona: denuncia di Roberto Addesse

735
CONDIVIDI

Da qualche giorno il comune di Alatri ha inaugurato la propria pagina facebook e personalmente ho approfittato si per complimentarmi per l’iniziativa e sia per sollecitare una questione che sta particolarmente a cuore a molti cittadini. Nel lontano mese di ottobre 2013 con protocollo n. 32087, sollecitato da molti residenti di Via Vado del Tufo presentai la seguente richiesta alla commissione Toponomastica: considerando che  nel nostro comune sono presenti due strade denominate rispettivamente Via del Tufo e Via Vado del Tufo, dove, anche di recente, si erano verificati diversi casi in cui l’ambulanza o le forze dell’ordine abbiano scambiato la località d’intervento a causa della similitudine della denominazione della strada, che il ritardo d’intervento potrebbe causare notevoli disagi ai cittadini residenti, che la strada Via Vado del Tufo è un naturale proseguimento di Via dei Campi chiedevo a chi di competenza di prendere seriamente in considerazione il cambio di denominazione da Via Vado del Tufo a Via dei Campi, confidando in una totale condivisione della mia iniziativa tesa all’incolumità dei residenti di entrambe le strade.

 Il responsabile della pagina mi ha risposto che la mia nota era stata presa in considerazione congiuntamente alla stessa richiesta presentata dal consigliere Giansanti e dall’assessore Fontana! A questo punto mi viene da pensare che questa pagina altro non è che uno strumento per fare propaganda elettorale all’amministrazione! Dico questo perché mi sembra alquanto strano che i due esponenti della maggioranza abbiano fatto la mia stessa richiesta e se fosse vero vorrei sapere la data ed il numero di protocollo della loro richiesta. Il responsabile, palesemente in difficoltà, ha successivamente dichiarato che sia Giansanti che Fontana avrebbero presentato solo verbalmente la richiesta! Da quel che mi risulta le richieste alla commissione toponomastica vanno presentate scritte con tanto di protocollo per essere inserite nel registro e poi se veramente sia Giansanti che Fontana avessero avuto a cuore questa problematica non sarebbero dovuti passare quasi due anni per essere discussa in commissione o no? Ma forse hanno poco “peso” all’interno dell’amministrazione… Comunque confido nella prossima riunione della commissione del 28 marzo augurandomi che il problema si possa definitivamente risolvere….