HOMEPAGE CRONACA VEROLI, ALTRI 13 POSITIVI A COVID, SONO DEGENTI E PERSONALE MA NON...

VEROLI, ALTRI 13 POSITIVI A COVID, SONO DEGENTI E PERSONALE MA NON RESIDENTI, NUOVI TAMPONI IN CORSO

930
CONDIVIDI

 Covid aggredisce Veroli e ne starebbe facendo un cluster potenziale, cioè una sorta di sub focolaio locale, in linea con il trend che vede più esposte al contagio le cittadine che ospitano residenze e spot sanitari di rilevanza: sarebbero 13 i nuovi casi di positività accertati, tutti circoscritti alle pertinenze della Città Bianca Ini del Giglio ma ‘allargati’ ad un’altra ala della struttura. Nessuno dei positivi pare sia residente a Veroli e nessuno di essi verserebbe in condizioni sintomatiche forti; le positività sarebbero state rilevate sia su degenti che su alcuni membri del personale. Va detto che le verifiche a mezzo tampone stanno proseguendo in queste ore e domani saranno accertate eventuali nuove positività. Precisiamo inoltre che l’asse di comunicazione ufficiale, l’unico a far fede, fra la Asl e i vertici amministrativi di Piazza Mazzoli, non ha ancora dato alle notizie che stiamo fornendo la ‘patente’ di ufficialità, anzi, da fonte secondaria apprendiamo che proprio dalla clinica Ini si sta studiando in queste ore un protocollo per la ‘certificazione’ delle notizie inerenti i contagi da trasmettere alla Asl e, in ridondanza, all’amministrazione, per evitare fughe di notizie, imprecise, allarmistiche o fondate solo in parte. Stiamo parlando quindi di una situazione in divenire, che esula da qualunque velleità di conta definitiva, rispetto alla quale più che mai sono necessari calma, cautela di valutazione e soprattutto rispetto delle regole pregresse di contenimento sociale. Questi nuovi 13 casi di positività all’acido nucleico del coronavirus vanno a sommarsi agli 8 casi già censiti sul territorio ernico, 3 dei quali anch’essi afferenti alla Città Bianca, a cui si sommano le positività precedenti rilevate all’abate di Casamari ed a quattro cittadini residenti in due popolose frazioni della città. Il totale censito, non ufficiale ma desunto data la situazione dinamica, porterebbe a 21 unità e metterebbe Veroli in una delicata situazione di pole position in quanto a contagi, anche se l’estensione enorme del territorio della cittadina ernica non consente paragoni, peraltro ineleganti e del tutto superflui, con altre cittadine pure aggredite in maniera ‘rilevante’ dal virus come Sora. La residenza sanitaria assistenziale della Città Bianca è stata posta sotto isolamento dalla Asl e nei minuti in cui andiamo on line si sta procedendo, oltre che con tamponi aggiuntivi, con la complessa mappatura dei tracciati, familiari e professionali, che serviranno a stanare gli eventuali percorsi di infezione ‘person to person’ e trarre, a breve, un bilancio organico. Per asseverare definitivamente queste allarmanti notizie ed aggiornare la situazione sarà comunque necessario attendere l’eventuale nota social del sindaco Simone Cretaro.

Monia Lauroni