HOMEPAGE CRONACA Un bagnino ciociaro salva tre bambini dall’annegamento

Un bagnino ciociaro salva tre bambini dall’annegamento

371
CONDIVIDI
Mercoledì mattina, intorno, alle 13, si trovava in servizio sulla spiaggia di Fiumaretta, nello stabilimento Tropicana, quando ha notato tre bambini che stavano facendo il bagno. «C’era mare forza 3 – racconta il bagnino – e si era creato un canale con una forte corrente proprio nel punto in cui si trovavano i tre, due maschi e una femmina dagli 8 ai 12 anni. Erano in acqua da qualche minuto nonostante il segnale di pericolo». I ragazzini si trovavano con la famiglia nella spiaggia libera attigua a quella dello stabilimento dove presta servizio Rossi ma la corrente li aveva trascinati in avanti.

«Ero in piedi, a riva, accanto al papà che si stava lamentando perché, nonostante li stesse richiamando, loro non volevano rientrare. Ho fischiato ma, non avendo notato nessuna reazione da parte loro – prosegue il racconto – mi sono reso conto che la situazione volgeva al peggio». I tre bimbi, infatti, non riuscivano a tornare a riva nonostante gli sforzi. Erano stati già trascinati a circa 40 metri dalla battigia.

Corrado Rossi non ha perso tempo e si è gettato subito in mare: «Ho raggiunto i primi due più vicini e poi ho il terzo che ho tirato fuori con maggiore difficoltà perché nel punto in cui si trovava la corrente era forte». «Chiudi la bocca» ha raccomandato loro e, con l’aiuto di altre persone più vicine alla riva, li ha tratti in salvo. Il recupero è durato tutto pochi minuti ma è stato tempestivo ed ha evitato che si consumasse una tragedia. Nel pomeriggio di quello stesso giorno ci sono stati altri interventi: «Sono dovuto intervenire in più occasioni assieme al figlio del proprietario, ho fischiato diverse volte per segnalare il pericolo di un mare troppo agitato per fare il bagno». Il lavoro sulla spiaggia terrà lontano Corrado Rossi da Paliano per tutta l’estate, «ma ad ottobre – assicura – non mancherò di tornare. Lì c’è la mia infanzia, ho tanti amici e parenti che vado spesso a salutare».