HOMEPAGE CULTURA Le allegre comari di Windsor del Teatro laboratorio di Alatri

Le allegre comari di Windsor del Teatro laboratorio di Alatri

461
CONDIVIDI

Se fossi un critico teatrale parlerei prima di tutto del Bardo inglese che di gran carriera dovette spostare l’allestimento delle sue Comari dal centro di Londra alla non lontana Windsor per motivi climatici. Tutto era pronto quando un terribile fortunale si abbattè sulla città: la compagnia fu costretta a cambiare zona anche per motivi logistici.

Tuttavia gli attori recitarono ugualmente alla grande perchè il lavoro teatrale era stato preparato nei minimi particolari. Persino durante gli accidenti, errori attoriali apparenti provocati volutamente, il pubblico reagiva applaudendo.

Nella gran sala acconciata alla meglio gli spettatori si sbellicavano dalle risate per i continui lazzi, entrate e uscite con trasformazioni fulminee che sarebbero state alla base del teatro moderno. La lingua adattata a qualunque esigenza di pubblico sempre diverso ogni sera così come la riscrittura del testo erano di prassi.

Ogni volta come un grande spettacolo di fine stagione la magia del teatro si rinnovava.

Così come nel saggio finale della scuola teatrale di Alatri allestito dal Teatro laboratorio magicamente vi sono accadute le medesime cose che ho raccontato, financo il cambio di sala in periferia all’ultimo momento per maltempo.

Ecco che non essendo un critico ho solo scritto ciò che ho visto e ascoltato quella sera nel gran sala all’Istituto comprensivo Sandro Pertini di Alatri.

Le allegre comari di Windsor di William Shakespeare ha avuto poi repliche in tutto il comprensorio e perfino fuori Regione riscuotendo il medesimo successo.

Il teatro è vivo ad Alatri. Grazie al Teatro Laboratorio.

Patrizio Minnucci