HOMEPAGE CRONACA Cassino – Chiede un passaggio e minaccia il conducente con un coltello...

Cassino – Chiede un passaggio e minaccia il conducente con un coltello per fargli prelevare soldi dal bancomat

383
CONDIVIDI

Nel pomeriggio di ieri in Cassino,  i militari del NORM della locale Compagnia, traevano in arresto nella flagranza del reato di “tentata rapina aggravata e porto abusivo di armi bianche in luogo pubblico”  QUAGLIOZZI Diana, 43enne del luogo, già censita per danneggiamento e segnalata ai sensi dell’art. 75 del DPR 309/1990.

La predetta, mentre transitava a piedi lungo la via Ausonia, chiedeva ed otteneva un passaggio ad un automobilista che transitava su quella arteria. Salita a bordo, dopo un breve tragitto impugnava un grosso coltello di colore nero che deteneva all’interno di una borsa e, nel puntarlo al fianco del conducente, lo costringeva sotto minaccia a recarsi presso un bancomat di Cassino, ove lo stesso avrebbe dovuto prelevare euro 200,00 e consegnarli alla stessa.

La vittima, impaurita, si dirigeva presso un noto centro commerciale della città martire e giunto nel parcheggio antistante si avviava a piedi verso l’entrata dello stesso centro, seguito a breve distanza dalla donna che teneva sempre il coltello in mano, nascondendolo cella della borsa alla vista di passanti con l’altro braccio.

L’uomo, appena notato  il personale di sicurezza del centro, chiedeva aiuto riferendo della minacce della donna, che si dileguava immediatamente all’esterno tra le autovetture ivi parcate. Nel frattempo veniva allertata la Centrale Operativa del Comando Compagnia Carabinieri  di Cassino che provvedeva immediatamente ad inviare sul posto la pattuglia  di turno che rintracciava la donna a poca distanza dal luogo.

Dalla successiva ispezione effettuata all’interno della borsa, i militari rinvenivano e sottoponevano a sequestro, il  grosso coltello da cucina di colore nero, utilizzato dalla medesima. Stante i presupposti di legge, veniva tratta in arresto ed accompagnata presso gli uffici della Caserma. Dopo le formalità di rito veniva tradotta in regime di arresti domiciliari presso l’abitazione in attesa del rito per direttissimo.