HOMEPAGE CRONACA Alatri – Acropoli, terra di nessuno: la denuncia di Maurizio Cianfrocca

Alatri – Acropoli, terra di nessuno: la denuncia di Maurizio Cianfrocca

921
CONDIVIDI

Lo so, è la solita problematica sollevata sistematicamente e puntualmente ogni anno ma questa si ripresenta con le solite sfaccettature e modalità cui nessuno fa fronte.

Questa la nota dell’ex consigliere comunale Maurizio Cianfrocca sulla situazione dell’Acropoli.

“Mi riferisco, spinto anche dalla segnalazione di tanti residenti , alle situazioni incresciose che vedono vittima di questo periodo la nostra Acropoli.  Vicini al periodo estivo e terminate le scuole è ovvio e naturale che la frequentazione di “Civita”  si faccia più intensa ma proprio per questo si moltiplicano gli episodi che rendono questo sito una pattumiera a cielo aperto, una terra di nessuno conquistata da un aggrovigliarsi di macchine che sembrano fare a gara ad intralciare il traffico e la possibilità di parcheggio di chi ci abita.

Orbene, nessuna esclusiva per nessuno, ma questo luogo va rispettato in tutti i suoi aspetti ma va soprattutto salvaguardato un patrimonio architettonico e storico che negli anni abbiamo visto irriguardosamente abbandonato e non rispettato come il Portico di Betilieno preso continuamente di mira da quel conducente ostinato a fare manovra tra le sue millenarie pietre provocandone spesso lo scollamento e il danneggiamento.

Per chi raggiunge l’Acropoli in questi giorni e chi percorre via Gregoriana lo spettacolo è tra gli più squallidi, un fazzoletto di territorio dove l’immondizia lasciata da chi ha bivaccato o fatto qualche spuntino  pomeridiano o serale ha lasciato tracce  di tutta la propria maleducazione e inciviltà .

Ecco, come ho detto in precedenza le solite cose, nulla di nuovo ma tutti quelli che abitano in questa bellissima zona,  tutti quelli che vorrebbero frequentarla per goderne della frescura e, del panorama  e della bellezza pretendono che questa nostra meraviglia sia mantenuta tale e non venga lasciata perennemente incustodita e alla mercé  di chiunque voglia violarla. E’ il momento di dire BASTA” .